RC Auto e Moto: in arrivo controlli severi

Da ultimi dati raccolti dall’ Ania (Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici) quasi il 10% di auto e moto circolanti in Italia sono sprovvisti di assicurazione, parliamo di quasi 4 milioni di veicoli.
Per contrastare la contraffazione del tagliando cartaceo, da ottobre dovrebbe partire la “dematerializzazione del contrassegno” ( articolo 31 del decreto Liberalizzazioni del 2012): non ci sarà più l’obbligo per i mezzi di esporre il contrassegno cartaceo.

 

L’obiettivo, si legge in una nota del Ministero dello Sviluppo Economico, è quello di “ridurre le frodi, contrastando la contraffazione dei contrassegni cartacei e l’evasione dell’obbligo assicurativo, tramite la sostituzione dei contrassegni attuali con controlli incrociati telematici tra le banche dati delle targhe dei veicoli e quelle delle polizze assicurative”.

 

Il sistema, chiamato Targa System, consentirà l’incrocio tra le targhe e i dati delle compagnie assicurative grazie a vari dispositivi elettronici, quali ad esempio tutor, autovelox e totem per l’accesso a zone a traffico limitato.
Ad oggi, però, questo controllo del pagamento e della validità della copertura assicurativa del veicolo non sarebbe attuabile senza la modifica dell’articolo 201 del Codice della Strada che autorizzerebbe i controlli remoti.
Le multe si prospettano comunque molto salate: chi viaggia senza assicurazione non solo non è coperto in caso di incidente, ma rischia pure il sequestro del veicolo e una sanzione fino a 3.393 euro.